Ripetizioni e lezioni private a Trieste

Traduzioni e lezioni di lingua

inglese, tedesco, spagnolo, italiano

Fumetti

progetti in essere e le persone che li realizzano insieme a me

1
1

Ciao! 

Io sono Alessandro, e ti posso aiutare nello studio delle materie in cui hai maggiore difficoltà! 

Le materie in cui ho maggiori competenze sono Matematica, Fisica e Inglese, grazie al mio percorso di studi e alla mia passione personale per la lingua inglese. Ciononostante ho aiutato molti ragazzi prima di te anche in altre materie, da Elettrotecnica a Latino, da Italiano a Tedesco, da Storia a Filosofia.

Ogni materia ha diversi scogli, più o meno difficili da superare. Quello che posso fare io è mettere la mia esperienza al tuo servizio e aiutarti a superare un argomento difficile o, più in generale, favorire l’approccio a una data materia attraverso consigli pratici che ti saranno utili sia in classe sia nello studio casalingo, ma soprattutto attraverso un aiuto costante, proporzionato al tuo livello e alle tue esigenze.

Questo perché la maggior parte delle volte il problema principale si trova nel metodo

E’ possibile che tu abbia incontrato delle difficoltà durante una spiegazione di matematica o che tu abbia completamente perso il filo del discorso: questo fa sì che tu non riesca più a capire le parole specifiche che vengono dette in classe, né tanto meno a seguire la lezione.  Altre volte semplicemente una materia può risultare ostica se non si dispone di un metodo chiaro per studiare e per chiarire i collegamenti tra i vari concetti spiegati, perché lo studio diventa una lettura continua di concetti che non riesci a imprimere nella memoria e di cui fai fatica a capire l’importanza nel mondo odierno.

Pacchetto 10 lezioni!170 € totali

17

a lezione

Pacchetto 5 lezioni90 € totali

18

a lezione

Lezione singola

20

all'ora

Divertirsi imparando!

A volte una battuta può aiutare a ricordare meglio le parti più mnemoniche di una determinata materia, come anche il semplice fatto di non essere da soli di fronte a un libro.

Fai domande!

Avere la possibilità di esprimere in tempo reale i propri dubbi diminuisce i tempi morti e anche il senso di frustrazione che a volte deriva dallo scontrarsi ripetutamente contro lo stesso problema.

Non sei solo!

Anche se c’è tanta strada da fare e devi recuperare buona parte del programma, ricordati che ce la puoi fare e che se ti impegni puoi rimetterti in carreggiata.

E durante la settimana?

Se mentre sei a casa hai qualche dubbio, che posso risolvere rapidamente, potrai scrivermi e io ti risponderò! O magari mi comunicherai i tuoi successi scolastici  

Ogni studente è un mondo a sé stante.

A metodi di apprendimento diversi devono corrispondere approcci di insegnamento differenti

Come funziona?

In classe siete costretti ad adeguarvi alla velocità media della vostra classe e l’apprendimento spesso è molto rapido, con un tempo scandito da prove in classe, interrogazioni e spiegazioni. Spesso non è facile recuperare un argomento capito male e si finisce per accumulare delle lacune che poi si fanno sentire durante i compiti in classe. Questo può generare un senso di frustrazione che nuoce allo spirito necessario per studiare e imparare cose nuove.

Alcuni studenti hanno delle difficoltà circostanziate a un certo argomento e quindi avranno bisogno di poche ore per ricollegarsi e tornare ad essere al passo con il resto della classe. Sarò io stesso a dirvi quando sarete ormai pronti a camminare con le vostre gambe e autosufficienti per condurre le ore di studio autonomamente. Poi eventualmente se vorrete perfezionare alcune conoscenze non avrete che da chiedere.

Altri invece hanno bisogno di un lavoro più intenso e costante. C’è chi si ritrova a mollare interamente una materia proprio perché non riesce a tenere il ritmo e magari a fine anno si trova con tutti i voti sufficienti e un esame a settembre. In questi casi il lavoro dev’essere più deciso, perché non bisogna affrontare un argomento mirato, ma una serie di argomenti che probabilmente sono vitali sia per superare l’esame di riparazione, sia per affrontare l’anno successivo con serenità.

In entrambi i casi è molto importante la collaborazione dello studente. Ebbene sì, serve un po’ di forza di volontà per ammettere di avere un problema e di aver bisogno di un aiuto, ma è necessario anche lo sforzo di perseverare fino al conseguimento del risultato sperato. Io posso darti una mano, guidarti e fare luce sui dubbi, ma non mi stancherò mai di ripetere che è indispensabile che anche tu faccia la tua parte!

Gli argomenti più richiesti

Matematica

Studio di funzione

L’argomento madre di ogni liceo scientifico, fulcro della famigerata seconda prova della matura. Lo studio di funzione condensa tutte le conoscenze acquisite non solo nel triennio, ma in tutti i cinque anni di superiori. Lo scopo del gioco? Disegnare qualsiasi funzione vi venga assegnata in sede d’esame e conoscerne andamento, vita, morte e miracoli.

Una volta strutturati i vari passaggi e chiariti i dubbi, può risultare una delle parti più divertenti della matematica.

Prodotti notevoli

Queste formule vengono studiate già alle medie e vi accompagneranno fino all’ultimo giorno di scuola superiore (e anche oltre, se intendete affrontare una facoltà scientifica!) e generalmente vengono capiti solo parzialmente e visti come dei terribili mostri.

La domanda che mi viene fatta più frequentemente al loro riguardo è: “Ma non posso fare normalmente, anziché complicarmi la vita?”

A dire il vero i prodotti notevoli sono qui per semplificarvi la vita e sono fondamentali per affrontare serenamente il quinquennio delle superiori. L’importante è capire che sono un modo rapido ed efficiente di visualizzare i rapporti tra i polinomi, cosa che vi consentirà il più delle volte di elidere delle parti che appesantiscono qualsiasi genere di problema stiate risolvendo.

Congruenza dei triangoli

Intorno al biennio delle scuole superiori, nei licei e in qualche istituto tecnico, si affronta una parte della geometria che ha a che fare con le congruenze tra segmenti. Nella fattispecie questo è un preludio all’introduzione dei tre criteri di congruenza tra triangoli.

I triangoli sono già stati affrontati alle medie, su un piano totalmente diverso, ossia quello della misurazione di perimetri, aree, altezze e così via. Qua invece è richiesto un lavoro più generale e quindi si lavora con triangoli generici e si deve essere in grado di astrarre e chiarire nella propria testa cosa vale per ogni triangolo, senza concentrarsi sul particolare.

Strutturare i tre punti di ogni singolo criterio e sapere come fare un disegno che non vi porti fuori strada sono le due cose più importanti per risolvere qualsiasi problema vi venga sottoposto.

Geometria analitica

La geometria sul piano cartesiano è un’anticipazione per ciò che poi si rivelerà essere uno studio di funzione. Iniziare a rapportarsi col piano e a disegnarci sopra delle figure (non sempre sono delle funzioni) è il primo passo per cominciare il triennio dello scientifico nel modo giusto. Anche nelle altre scuole questo argomento viene affrontato più o meno approfonditamente, studiando rette, parabole, circonferenze, ellissi e iperboli.

Fisica

Studio del moto

Si tratta di uno dei primi argomenti che vengono affrontati in questa materia. Richiede una certa comprensione delle proporzionalità e delle equazioni, che tendo a rispiegare nel caso in cui non siano sufficientemente chiare. Da lì poi serve capire e fare proprie le corrispondenze tra il grafico e la realtà, per saper leggere ciò che viene disegnato e interpretarlo come se stesse accadendo nel nostro mondo.

Comprende i moti rettilinei (uniforme e uniformemente accelerato) e il moto circolare uniforme.

Errori assoluti e relativi

Insieme alle grandezze, gli errori sono il primissimo argomento che viene affrontato, specialmente nei licei scientifici (in attesa di studiare le equazioni in matematica). La difficoltà di questo argomento sta nel fatto di avere a che fare con entità, gli errori appunto, che spesso ci appaiono astratte e difficilmente rapportabili a ciò che già conosciamo della matematica.

In fisica bisogna sempre ricordare che siamo profondamente calati nel mondo che ci circonda e ogni nostro calcolo o azione sul foglio, corrisponde a un modello di ciò che osserviamo o misuriamo.

Circuiti elettrici

L’ultimo anno di fisica viene spesso dedicato interamente alle forze elettromagnetiche. Una sostanziosa parte di questo programma è dedicata ai circuiti realizzabili con i vari dipoli che vengono studiati, quali capacitori, resistori e induttori.

Chiarire a priori la funzione e il funzionamento di questi dispositivi, può aiutare poi a visualizzare nella propria testa l’andamento del flusso di elettroni all’interno del circuito e quindi a calcolarne le varie grandezze evitando di confondersi.

Questi argomenti vengono affrontati negli istituti tecnici dedicati (a Trieste ne sono un esempio il Volta e il Nautico) in materie come elettronica ed elettrotecnica. Qua la circuiteria viene studiata in modo incredibilmente approfondito, arrivando persino allo studio dei transitori e di circuiti dinamici, nonché ai grafici cosiddetti “in frequenza”.

Termodinamica

La termodinamica è una parte molto importante della fisica, spesso poi applicata nell’ingegneria industriale e in un’immensa quantità di applicazioni. Ciò che spesso crea dei grossi problemi agli studenti è la comprensione delle trasformazioni (isocore, isobare, isoterme e adiabatiche): spesso è chiaro cosa sono, ma non è chiaro come questa trasformazione sia poi possibile nel mondo reale e quindi diventa un argomento totalmente avulso dalla realtà.

In realtà ogniqualvolta accendete il vostro motorino o la macchina, nei pistoni avvengono alcune di queste trasformazioni, producendo energia sotto forma di lavoro, che serve per muovere la macchina (con voi dentro). Una volta chiarito come queste trasformazioni possano avvenire, sarà più facile anche comprenderne le formule sul foglio di carta.

Chimica

Stechiometria

Affrontando la stechiometria, si viene a contatto per la prima volta con l’entità misteriosa della mole. Come prima cosa è necessario capire che la mole è un’unità di misura e poi cosa rappresenta e in quale modo è collegata alla chimica, studiando e capendo le leggi di Lavoisier e i ragionamenti di Dalton.

Una volta capiti questi argomenti, gli esercizi di stechiometria diventeranno semplici e riuscirete a destreggiarvi tra masse e numeri di moli in modo semplice, concedendovi così di concentrarvi solo sulle altre difficoltà del problema.

Ossidoriduzione

Le reazioni di ossidoriduzione (o redox) sono un tipo di reazioni pensabili come due semireazioni che avvengono in contemporanea: riduzione e ossidazione. Una volta capiti i concetti legati a queste due semireazioni e l’importanza dei numeri di ossidazione riportati sulla tavola periodica, la vostra strada sarà spianata e sarete in grado di risolvere problemi che prima vi erano sembrati impossibili.

Bilanciamenti

Nulla si crea e nulla si distrugge. Basandosi su questo principio, il bilanciamento provvede a equilibrare le quantità tra reagenti e prodotti.

Non è sempre semplice però: bisogna intanto essere in grado di leggere la formula e interpretare le posizioni dei numeri. Oltre a questo è necessario capire il metodo più semplice per non perdersi dietro a calcoli inutili e arrivare dritti al punto. Per fare ciò è necessario tenere presente come funzionano le reazioni chimiche, almeno quelle più semplici, e come si dissociano e riassociano i vari elementi

Calcolo del PH

Il calcolo del pH richiede conoscenze pregresse sulla concentrazione e sulle formule ad essa relative. Una volta concluso il ripasso su questi argomenti chiariremo cosa significano le parole pH e pOH e parleremo del funzionamento delle scale logaritmiche e dei logaritmi in sé.

Inglese

Present Perfect e Past Simple

Croce e delizia di ogni studioso di questa lingua, spesso è difficile capire quando usare uno e quando l’altro. Con il progressivo perdersi del passato remoto italiano e con la totale non corrispondenza tra passato prossimo e il suo falso amico present perfect, capita che su questo argomento si crei una confusione totale, tale da ingarbugliare ciò che uno studente credeva di sapere sulle costruzioni dei tempi passati nella lingua inglese.

Con un po’ di pazienza e di costanza, si possono scoprire le differenze sostanziali tra questi due tempi verbali e i momenti giusti per usare uno o l’altro.

Lessico e Writing

Spesso ci si trova di fronte a un foglio bianco e non si sa cosa scrivere, a maggior ragione in una lingua straniera. Un prerequisito per questo genere di lavoro è avere un bagaglio lessicale di un certo livello, in modo da poter scrivere di ciò che si vuole senza necessariamente fermarsi ad ogni singola parola.

Inoltre i sintagmi e le costruzioni delle altre lingue non corrispondono a quelle dell’italiano. Non è sufficiente quindi armarsi di vocabolario (che però è sempre utile, anche per i più bravi) e tradurre tutto ciò che ci passa per la testa parola per parola.

Io intendo focalizzare la vostra attenzione su tutte le costruzioni necessarie per rendere la frase fluida e naturale, vi punterò il lessico più adatto nelle diverse situazioni e provvederò a farvelo studiare, magari con delle opportune liste di vocaboli, partendo dai verbi più basilari alle costruzioni più avanzate.

Listening

Per imparare l’inglese è necessario saper parlare, ma soprattutto saper ascoltare.

Una delle difficoltà più grosse che si incontrano affrontando una nuova lingua è proprio quella di trovarsi di fronte un cosiddetto native speaker, un madrelingua, e non riuscire a capire niente di ciò che dice.

Nell’era digitale è semplice procurarsi dei media che siano in inglese, come ad esempio film o serie, magari sottotitolati. Allo stesso tempo si può imparare e divertirsi, tentando di coniugare l’utile al dilettevole. Io entro in gioco a correggere e chiarire la pronuncia delle parole che non vengono capite, guidandovi attraverso il listening e testando il vostro grado di preparazione e, successivamente, i vostri miglioramenti.

Non necessariamente deve trattarsi di un esame, chiamami per qualsiasi necessità! Scuola, lavoro, passione personale sono tutti buoni motivi per imparare una lingua come l’inglese.

Lezioni di inglese

Per giovani e per adulti che vogliono imparare la lingua

Posso prepararvi ad affrontare un esame per i vari livelli certificati di lingua inglese, aiutandovi a capire e preparare i diversi passi necessari a superare gli ostacoli derivanti dallo studio di questa lingua e chiarendovi le criticità che vi troverete ad affrontare in sede d’esame.

Io stesso ho affrontato uno di questi esami con successo, il CAE e l’ho superato con grade A. Questo mi certifica come livello C2.

Che tu debba imparare la lingua da zero, chiarire alcuni dubbi sulla pronuncia, prepararti per un esame o affrontare una trasferta di lavoro all’estero, io saprò sempre aiutarti in linea con i tuoi impegni e le tue necessità!

Contattami subito per iniziare!

Basta un click qui

 O se sei su un cellulare clicca sul mio numero!

tel. +39 3478634592

Lo studio in pillole

" Personalmente, mi sono annoiato mortalmente a scuola e sono stato un pessimo studente. Tutti coloro che si occupano di insegnamento dovrebbero ricordare continuamente l'antico motto latino "ludendo docere", cioè "insegnare divertendo""

− Piero Angela

"Faccio sempre ciò che non so fare, per imparare come va fatto."

− Vincent Van Gogh

"Lo studio non è lavoro ma la forma più gloriosa di gioco."

− Luciano De Crescenzo

"Non è importante quanto hai studiato. E' più importante quanto hai assorbito e capito di ciò che hai studiato."

− Bruce Lee

"La probabilità di essere interrogati è inversamente proporzionale al tempo trascorso nello studio. "

− Arthur Bloch

"Studiare senza riflettere è vano; riflettere senza studiare è pericoloso."

− Confucio